Viste Navigazione

Evento Viste Navigazione

Oggi

GIUDA

CHIOSTRO DI SAN LORENZO Piazza S. Lorenzo, 2, Vicenza

Giuda.
Un uomo.
Capace di amare ma come, purtroppo, spesso si riducono ad amare molti esseri umani, con la loro innata imperfezione: il loro è un amore-possesso, vissuto guardando allo specchio solo i propri sentimenti e il proprio desiderio di essere, per gli altri, gli unici destinatari della loro attenzione, dei loro pensieri.

GIUDA

CHIOSTRO DI SAN LORENZO Piazza S. Lorenzo, 2, Vicenza

Giuda.
Un uomo.
Capace di amare ma come, purtroppo, spesso si riducono ad amare molti esseri umani, con la loro innata imperfezione: il loro è un amore-possesso, vissuto guardando allo specchio solo i propri sentimenti e il proprio desiderio di essere, per gli altri, gli unici destinatari della loro attenzione, dei loro pensieri.

GIUDA

CHIOSTRO DI SAN LORENZO Piazza S. Lorenzo, 2, Vicenza

Giuda.
Un uomo.
Capace di amare ma come, purtroppo, spesso si riducono ad amare molti esseri umani, con la loro innata imperfezione: il loro è un amore-possesso, vissuto guardando allo specchio solo i propri sentimenti e il proprio desiderio di essere, per gli altri, gli unici destinatari della loro attenzione, dei loro pensieri.

GABER -Gli assurdi spostamenti del cuore

CHIOSTRO DI SAN LORENZO Piazza S. Lorenzo, 2, Vicenza

Giorgio Gaber è stato uno dei più amati e originali interpreti della scena musicale e teatrale italiana. A 17 anni dalla morte il suo pensiero risulta più attuale che mai. Non offre solo una disincantata riflessione sulla realtà contemporanea, per molti aspetti ancora valida, ma anche un affondo senza sconti nell’animo umano di cui Gaber, poeta della parola, ha cantato con ironia e partecipazione le contraddizioni, la paura, i sogni, i limiti, l’amore.

LA MUGER DELL’OTTOMAN E MINIATURE BAROCCHE

CHIOSTRO DI SAN LORENZO Piazza S. Lorenzo, 2, Vicenza

L’evento rientra nel progetto VERDE SETTECENTO ed è composto da due parti distinte: la commedia “La muger dell’Ottoman” intramezzata da brani cantati dal vivo dall'ensemble di voci barocche Dramatodìa di Alberto Allegrezza.
Madama Lucrezia con la serva Elisabetta sono costrette da Gerardo, marito gelosissimo di Lucrezia, a stare rinchiuse in casa anche durante le celebrazioni del Carnevale.

IO, DANTE E LA VACCA

Giardino del Teatro Olimpico piazza matteotti 11, VICENZA, VI

Ippogrifo Produzioni di e con ALBERTO RIZZI Nessun essere vivente è indifferente alla bellezza. Nemmeno la vacca Beatrice che quando le si recita Dante fa il latte più buono. Lo sa bene Doro il suo allevatore filosofico e poeta, che le racconta e le recita la Divina Commedia, mescolando ai versi danteschi, la propria biografia, […]

BETONEGHE SE NASSE, NO SE DEVENTA

TEATRO OLIMPICO – giardini Piazza Matteotti, 11, Vicenza

produzione Teatro delle Arance di Giovanna Digito con Giovanna Digito – Silvana,  Stefania Florian – Renata, Claudia Digito – Franca musica dal vivo Orchestrina Teatro delle Arance Ritornano le Betoneghe! Attraverso NUOVI episodi, Silvana, Renata e Franca sono pronte a conquistare il pubblico con le loro “ciacoe” all’insegna della comicità veneta. Non è mica colpa […]

I PROMOSSI SPOSI

TEATRO OLIMPICO – giardini Piazza Matteotti, 11, Vicenza

produzione Teatro delle Arance regia Giovanna Digito con Giovanna Digito – Agnese/ primo Bravo , Silvia Cerchier – Lucy , Massimo Pietropoli – Renso , Stefania Florian – Perpetua/Fra Cristoforo e altri, Simone Sangiorgio – Don Abbondio, Cristian Ricci – Don Rodrigo, Francesca Rosadi – secondo Bravo/Maria Dolores, Alessia Biral – Popolana , Ilaria Mariuzzo […]

TU CHIAMALE SE VUOI … INFLUENZE

TEATRO OLIMPICO – giardini Piazza Matteotti, 11, Vicenza

produzione Satiro Teatro di FULVIO ERVAS con GIGI MARDEGAN regia NORA FUSER L’autore, Fulvio Ervas: “Mio nonno ha vissuto due guerre mondiali e due epidemie influenzali. Mio padre una guerra mondiale e tre epidemie influenzali. Io solo tre epidemie influenzali: l’asiatica del 1957; la Hong Kong del 1969 e il Covid del 2019. Dovrei concluderne […]

IN NOME DELLA MADRE

TEATRO SPAZIO BIXIO Via Mameli, 4, Vicenza

L’adolescenza di Miriàm/Maria smette da un’ora all’altra. Un annuncio le mette il figlio in grembo.
Qui c’è la storia di una ragazza, operaia della divinità, narrata da lei stessa.
Qui c’è l’amore smisurato di Iosef per la sposa promessa e consegnata a tutt’altro. Miriàm/Maria, ebrea di Galilea, travolge ogni costume e legge. Esaurirà il suo compito partorendo da sola in una stalla